Romagna |#14.0

Amo la mia terra per l’odore del mare che mi avvolge ogni volta che, tornato da un viaggio, metto piede in stazione a Rimini.
Amo la mia terra per il fragore delle onde del mare che, nelle notti di bufera, si sente fino alle colline.
Amo la mia terra per l’ombra affilata del Monte Titano che veglia sulla valle sottostante.
Amo la mia terra per le distese di fiori di pesco che tingono di rosa le campagne in primavera.
Amo la mia terra per i girasoli e le balle i fieno nei campi d’estate.
Amo la mia terra per le pesche, le fragole, le albicocche e le ciliegie dei contadini che vendono i prodotti del loro orto sul ciglio delle strade.
Amo la mia terra per le feste nei parchi, con gli anziani che ballano il liscio sul palco di parquet.
Amo la mia terra per i cassoni al tramonto d’estate dopo una giornata in spiaggia.
Amo la mia terra per l’odore del pesce sul porto quando fanno ritorno i pescatori.
Amo la mia terra per le tagliatelle unte delle osterie.
Amo la mia terra per il vino della casa. Quello che sa di bisolfito ma che ti aiuta a mandare giù anche il pasto più impegnativo.
Amo la mia terra per come parla. Perché, nonostante l’orrore grammaticale, nulla mi fa sentire più a casa di ho rimastovieni oltre, dare la polvere ah ciò.
Amo la mia terra perché è generosa e si concede a tutti quelli che ne vogliono far parte, chi per una vita intera, chi per qualche settimana di vacanza.
Amo la mia terra per le mani esperte delle ‘zdore che tirano 10 uova di sfoglia in 10 nanosecondi.
Amo la mia terra perché è unita e divisa allo stesso tempo da un’unica ricetta: la piadina.
Amo la mia terra perché segue ancora i ritmi dettati dalle stagioni.
Amo la mia terra per l’azzurro del mare che si vede dalle colline.
Amo la mia terra perché bastano due note di clarinetto per farti ricordare le Feste dell’Unità.
Amo la mia terra per le veglie delle nonne sotto casa con la bella stagione a sgranare i piselli.
Amo la mia terra per le feste medievali dei suoi innumerevoli borghi.
Amo la mia terra per i fuochi d’artificio sul lungomare.
Amo la mia terra perché sa rimboccarsi le maniche.

Ma soprattutto,
amo la mia terra perché è una terra che ama.
Ama il mare, ama i campi, ama la sua cucina, ama le sue tradizioni.
E ama anche la sua gente, la protegge, la cura, la seduce ogni giorno.
È questo il segreto della Romagna. Lei ama.
Chiunque, qualunque cosa, incondizionatamente.
Per questo, qui, ogni cosa è speciale.

E tu non puoi non ricambiarla.

Tomas

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...